UA-7431898-23

Vacanze Albania: tutto quello che devi sapere prima di andare in Albania

Mare

vacanze albaniaL’Albania si affaccia sul mare Adriatico e il mar Ionio, infatti la Puglia dista nel punto più breve, solo 72 chilometri. Le sue coste si estendono per circa 360 chilometri alternandosi tra spiagge di sabbia (a tratti riportata ma in gran parte naturale) e di sassi mantenendo inalterato l’indiscusso fascino di un mare cristallino. Il mare diventa profondo dopo pochi metri come avviene in Croazia, in Sicilia e in Grecia ma resta un mare adatto sia alle coppie che alle famiglie in vacanza. Il clima è decisamente mediterraneo con una media estiva di almeno 24° al nord e di 29° al sud, e quindi i soggiorni di mare si possono effettuare dalla tarda primavera fino all’autunno inoltrato nelle principali località balneari quali: Durazzo (nel nord del paese), Saranda (di fronte all’isola di Corfù, Grecia), Shumil e Borshi (nel sud vicino a Saranda), Dhermi (spiaggia di Jale) e Himara vicino a Valona nel centrosud. Sono praticabili tutte le attività di diporto.

 Gastronomia

vacanze albaniaL’Albania non ha un vero e proprio piatto tipico ma le sue radici culinarie poggiano su tradizioni balcaniche mischiando la cucina slava con quella prettamente greca. Tra i piatti principali ricordiamo gli arrosti a base di pollame, pecora e vitello, i piatti di pesce che contemplano le cozze, i fritti e i crostacei. Nelle località principali non è raro mangiare delle buone pizze anche per il gusto italiano. La birra locale alla spina, kriko, è di buona fattura e non ha nulla da invidiare alle classiche bionde. I piatti più famosi restano però il Fergese di Tirana, un piatto con vitello, formaggio feta, cipolle e spezie; il Qofte Te Ferguara, cioè polpette d’agnello, manzo o pollo comunque fritte; il Tave Kosi, agnello al forno con salsa allo yogurt; il Gjelle Me Arra, carne di vitello o pollo con le noci. Ricordiamo infine il Byrek o Burek, una torta salata fatta di pasta sfoglia a strati, contenente solitamente la carne macinata aromatizzata e cipolle con la caratteristica forma a sigaretta allungata. Il tutto a prezzi notevolmente vantaggiosi per il portafoglio degli italiani.

Arte e Cultura

Flebili traalbania19bcce di una storia che risale addirittura al paleolitico si celano nelle caverne di Santa Marina vicino a Saranda nel sud dell’Albania. L’influenza della Magna Grecia si scorge in innumerevoli reperti archeologici che sono disseminati su tutto il territorio. Tra i siti archeologici più belli da visitare c’è Butrint, nei pressi di Saranda. Si tratta di un sito dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, aperto al pubblico grazie agli scavi dell’archeologo italiano Ugolini. Al suo interno si possono vedere anche un Teatro greco ben conservato, altri preziosi resti della cultura greca si trovano anche ad Apollonia e a Durazzo. Tracce della precedente cultura illirica si possono invece trovare nel Museo di Storia Nazionale e al Museo Archeologico che si trovano entrambi nella capitale Tirana.

 

ApolloniaSeguendo le tracce dell’antica Via Egnatia potete imbattervi nelle favolose rovine romane della ex colonia greca di Apollonia. Si trova nei pressi del piccolo paesino di nome Pojan nell’estremità occidentale dell’Albania, quasi ai confini con la Grecia e la Macedonia. Queste rovine scoperte dall’archeologo francese Leon, sono un esempio di come anche in queste zone si sono registrati gli scempi di una dissennata politica imperialista durante le conquiste da parte di paesi invasori. Infatti una parte dei reperti sono custoditi nel Museo di Storia Nazionale nella capitale Tirana, il resto è stato trafugato dagli eserciti stranieri. Se invece siete attratti dalla natura o dall’arte, ci sono anche un Museo di Scienze Naturali con una enorme tartaruga marina e la Galleria d’arte con molti pezzi interessanti dell’epoca medioevale, sempre a Tirana.

 

KrujaNel nord del paese invece si può visitare il castello di Skanderbeg nel paesino di Kruje o Kruja. Il castello è risalente al IV secolo d.C. ed era diventato il caposaldo bizantino contro le invasioni ottomane fino alla sua caduta nel 1478, dieci anni dopo la morte dell’eroe della cristianità Giorgio Castriota Skanderbeg. Attualmente al suo interno vi ha sede un museo nazionale con oggetti di notevole fattura e interesse tra cui la sua armatura, la sua spada e dei documenti storici delle prime democrazie quali quella della Repubblica Serenissima di Venezia. Appena usciti dal castello, oltre ad imbattervi nel lungo e stretto bazar dove poter acquistare i souvenir artigianali migliori, potete invece recarvi al Museo Etnologico. Ulteriore visita si può fare spostandosi di pochi metri, al Dollma Teqe della religione musulmana Bektashì per poter meglio comprendere le basi di questa confraternita islamica di derivazione sufita molto presente in Albania.

 Trasporti

viaggi albaniaL’aeroporto internazionale Madre Teresa (Nene Tereza nella lingua locale) dista circa 25 chilometri dal centro di Tirana ed è raggiungibile con le principali compagnie aeree sia con voli diretti dall’Italia che con scali in alcuni paesi europei limitrofi (via Budapest o Vienna). All’interno del paese c’è una moderna autostrada a quattro corsie che collega il centro di Durazzo con Tirana e Valona verso sud, oltre ad una strada litoranea che è ancora in fase di completamento. Da Tirana si possono noleggiare auto moderne di qualunque cilindrata e a prezzi modici. In alternativa è presente durante la stagione estiva un collegamento via mare da Venezia e da Ancona su Corfù con la possibilità di abbinare il tratto in aliscafo alla vicinissima località balneare di Saranda (durata poco più di mezzora). Partendo da Brindisi si può invece prendere il traghetto che sbarca a Valona oppure a Durazzo (durata circa otto ore).

Località da visitare

viaggi albaniaOvviamente la capitale Tirana con i suoi musei e le sue piazze piene di vita. Verso sud la nota località balneare di Saranda, molto adatta anche ad una clientela giovanile e con diverse opportunità per delle escursioni nelle vicinanze. Oltre alla già citata Butrint, Patrimonio dell’Umanità, ci permettiamo di segnalare anche Argirocastro o Gjrokaster con la vicina fonte risorgiva dell’Occhio Blu e il suo magnifico Castello immersi in boschi dove spiccano delle querce secolari. Kruja e il castello dell’eroe nazionale Skanderbeg e il paesino di Berat anch’esso segnalato dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità. A nord la città portuale e commerciale di Durazzo con l’anfiteatro e il museo archeologico. A ovest il lago di Ohrid con lo splendido parco Drilon.

 
Allora cosa aspetti scegli anche tu le tue Vacanze Albania!

 

Per informazioni e richieste di prenotazioni invia una email a albania@dreamsbeachtour.it

© Copyright 2017 by Dizeta

Dreams Beach di Ombretta Fresco - Corso del Popolo 964 - 30015 Chioggia (VE) - p.iva 03751900287 - Aut. Prov. VE 19/2002

UA-7431898-23